Get Adobe Flash player

       

  • slide11.jpg
  • slide7.jpg
  • slide3.jpg
  • slide6.jpg
  • slide2.jpg
  • slide8.jpg
  • slide14.jpg
  • slide16.jpg
  • slide1.jpg
  • slide5.jpg
  • slide12.jpg
  • slide13.jpg
  • slide10.jpg
  • slide15.jpg
  • slide4.jpg
  • slide9.jpg

Grazie Nino

Il 25 Aprile è venuto a mancare Nino Panzani, un distinto signore dalle origini modenesi che per motivi di lavoro arrivò a Ladispoli tanti anni fa e qui, mettendo su famiglia, vi si stabilì per sempre. Lo vogliamo ricordare non solo perché è stato un caro amico, ma soprattutto perché è stato colui che per primo ha fondato e organizzato a Ladispoli una Società sportiva di Pallavolo.
Fu proprio lui che negli anni 68/69 pensò di far diventare squadra un gruppo di ragazzi che, messi insieme dall’indimenticabile don Lorenzo Macario, da tempo giocavano insieme presso l’oratorio.
Nino Panzani Nino, così lo chiamavamo tutti amichevolmente, fu subito apprezzato per il suo dinamismo, il suo entusiasmo e la sua straordinaria cordialità.
La partecipazione quasi immediata ad alcuni tornei federali non produsse risultati lusinghieri, ma non erano questi gli obiettivi primari. Avevamo il nostro allenatore e tutti la nostra bella divisa di gioco.
I campi all’aperto però non ti permettevano di giocare, ma solo di prender freddo e di procurarti tante escoriazioni quante erano le scivolate che facevi sul ruvido pavimento di cemento e necessarie per recuperare una pallone in difesa.  Oggi, mi rendo conto che il nostro Nino non solo voleva insegnarci a giocare a pallavolo, ma con questa sua iniziativa sperava di trasferire a Ladispoli un angolo della sua lo
ntana Mirandola dove aveva lasciato oltre ad una disciplina amata e popolare come la pallavolo anche una mentalità sportiva sicuramente più evoluta rispetto alla nostra. Tra i suoi aneddoti ricordiamo con piacere quello del suo nipotino che con orgoglio ci raccontava essere un campioncino; quel nipotino era nientepopodimeno che quel Pupo Dall’Oglio che negli anni successivi fu il punto di forza della Nazionale italiana.
Caro Nino, grazie alla tua nostalgia modenese, alle tue capacità organizzative ed al tuo saperti rapportare con i ragazzi, tanto tempo fa, hai dato il via ad una iniziativa che ancora oggi pulsa e con sempre maggiore vivacità.
Il grazie ed il saluto, quindi, è di tutti quei ragazzi o ex ragazzi ed i loro figli a cui tu hai dato la possibilità di giocare a pallavolo negli ultimi 30 anni.

Per fornire un servizio migliore e più soddisfacente questo sito usa i cookie. Continuando la navigazione acconsentirai al loro utilizzo. Puoi trovare ulteriori informazioni qui. Cookies policy.

Accetto i cookie su questo sito.

EU Cookie Directive Module Information